Confetti e confettata

confetti e confettata
15 aprile 2016  •   La Squisiteria  •   0
confetti e confettata

confetti e confettata

confettata e candy

confettata e candy

confettata e candy

confettata e candy

confettata e candy

confettata e candy

confetti e confettata matrimonio

confetti e confettata matrimonio

Confetti e Confettata.

confetti confettata matrimonio

confetti confettata matrimonio

La storia dei confetti è antichissima. Essi erano già conosciuti in epoca romana: secondo alcune fonti ci sono testimonianze risalenti al 447 a.C.. Si narra che gli antichi romani li utilizzassero per celebrare nascite e matrimoni, con la differenza, rispetto a oggi, che in quel periodo, non essendo stato ancora scoperto lo zucchero, per la loro fabbricazione si usava il miele per avvolgere la mandorla.

 

Era considerato una sorta di bon bon prelibato e pregiato da mangiare nelle occasioni importanti.
Dei confetti si ha già notizia a Venezia nel 1200 d.C, portati in città da mercanti provenienti dall’Estremo Oriente, dove era usanza, nell’Impero Bizantino, gettare i confetti dai balconi nobiliari su popolo durante i festeggiamenti del carnevale.
Vi è anche un curioso aneddoto che fa risalire il confetto a un medico di origine araba che secondo fonti lo utilizzava a fini terapeutici: il preparato medicinale amaro veniva ricoperto da un guscio dolce per renderlo più gradevole soprattutto per i bambini.
Aneddoti a parte, la forma del confetto più simile a quella dei nostri giorni nasce dopo la scoperta dello zucchero, anche se bisognerà attendere fino al 1400 d.C per vederlo utilizzato nella produzione dei confetti.
E’  proprio in questo periodo che nasce a Sulmona la fabbricazione moderna dei confetti, dove se ne svilupperà la lavorazione artistica presso il Monastero di Santa Chiara. Con dei fili di seta venivano legati dei confetti per decorare fiori, grappoli, spighe e rosari. Sulmona è quindi, a buon diritto, la città natale della più antica fabbrica di confetti in Italia.
Risale invece al Rinascimento la tradizione di porre i Confetti in coppe colme  durante i ricevimenti per festeggiare i voti dei monaci e dei sacerdoti.
L’utilizzo dei confetti durante i festeggiamenti di matrimoni, comunioni e battesimi è quindi una tradizione molto antica. La differenza di oggi, rispetto al passato, è che possiamo disporre di una vasta gamma di gusti e di forme, dal tradizionale Avola ai più particolari: frutta tropicale, ripieni caffè, cappuccino o tiramisu fino ad arrivare ai sapori di champagne, rum, mojito, e così via.
Secondo il galateo, se i confetti sono riposti in sacchetti devono essere sempre di numero dispari. Questa regola, divenuta una vera e propria usanza, trae origine dal pensiero che vede nel numero dispari l’indivisibilità dell’unione.
Anche se la tradizione vuole che i confetti vengano distribuiti dalla sposa passando tra i tavoli, il nostro consiglio è di prepararli su un tavolo, magari vicino al tavolo delle bomboniere, presentandoli dopo il taglio della torta nuziale perché potrebbero distogliere l’attenzione dei vostri ospiti.
Per noi de la Squisiteria l’allestimento del tavolo della confettata non è semplice ne banale, ma è un  momento di fondamentale importanza, sia estetico che di sostanza. infatti bisogna tenere conto del tema del matrimonio, dei colori scelti e dei fiori utilizzati sui tavoli. Anche i segnagusti saranno in tema con i menù distribuiti sui tavoli e rispetteranno lo stile e il tema che avete scelto per il vostro evento.
Nel nostro show-room è possibile personalizzare la vostra confettata, nel modo più originale e unico. Abbiamo in serbo, anche sotto questo aspetto, tante sorprese per i nostri clienti più esigenti.